Senza categoria

I cereali da riscoprire

Purtroppo nella nostra alimentazione a prevalere è soprattutto un cereale: il grano. Troppo spesso dimentichiamo che nella nostra tradizione esistono altri importantissimi cereali ricchissimi di nutrienti preziosi. In pratica ogni cereale non fornisce solo energia ma proteine, aminoacidi, vitamine e sali minerale, tutto questo però solo se il cereale mantiene la sua integrità (cereale integrale).

Tra i cereali da privilegiare oltre al grano duro italiano vi sono: riso integrale, miglio, farro, orzo, avena, kamut, amaranto e grano saraceno (quest’ultimo in realtà non sarebbe di per sé neanche un cereale). Qui di seguito vediamo alcuni dei cereali che dovremmo senz’altro riscoprire e utilizzare almeno 3/4 volte a settimana.

L’avena è un cereale adattissimo per sollevare il tono dell’umore, grazie al suo effetto antidepressivo, inoltre l’avena è energetica, ben digeribile e tende ad abbassare il livello degli zuccheri e del colesterolo LDL, oltre ad essere ricca di vitamina E molto utile per la pelle. Come utilizzare l’avena? Spesso si pensa subito con tristezza che sarà difficile sostituire il nostro piatto di pasta con dei chicchi di avena, in realtà l’avena dovrebbe essere il cereale d’elezione della prima colazione (da aggiungere in fiocchi allo yogurt o per la preparazione del tradizionale porridge) oppure con la sua farina preparate torte dolci o salate o infine consumarla in chicchi in zuppe di verdure e legumi.

L’amaranto è invece un cereale molto consigliato in caso di osteoporosi o per il recupero dopo fratture, la presenza dell’aminoacido lisina aiuta a fissare il calcio nelle ossa; il suo indice glicemico è per giunta molto basso e questo lo rende un ottimo cereale adatto ai diabetici.

Il farro è invece tra tutti i cereali uno dei meno calorici, tonifica il fegato e la cistifellea, molto utile in caso di stipsi grazie alla sua elevata presenza di fibre.

Il grano saraceno è anch’esso ricco di lisina e vitamina P e come l’amaranto, la quinoa, il miglio e il riso, naturalmente privo di glutine. La presena di Vitamina P facilita il microcircolo, tonifica l’energia del cuore e dell’intestino tenue e previene i disturbi della prostata.

Il grano Kamut è invece ricco di selenio, un minerale che protegge dall’attacco dei radicali liberi, è energico e rivitalizzante.

Il miglio, purtroppo sempre troppo poco considerato, è uno scrigno di vitamine A, B1 e PP (niacina) oltre ad oligoelementi importanti come ferro e fosforo. Il miglio è un cereale molto nutriente e digeribile, purifica la milza, il pancreas e lo stomaco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...